Campagna elettoraleIn evidenza

Questi giorni di campagna elettorale sono stati una preziosa esperienza personale, sia sul piano umano sia sul piano politico. Mi hanno permesso di toccare con mano la reazione di tante persone alle cose fatte in quattro anni di governo, di vedere gli effetti delle scelte di politica economica e l’impatto che hanno avuto sulla vita dei cittadini, per capire dove è possibile migliorare.

Ho incontrato tante persone nutrite di valori sinceri, di attaccamento alla propria comunità locale, capaci di impegnarsi in prima persona per il bene pubblico. Con loro ho cercato di capire che cosa ancora va fatto, che cosa si può fare di più e in meglio per valorizzare le eccellenze dei nostri territori e del nostro capitale umano.

Durante questi incontri molto intensi, anche emotivamente, mi sono impegnato a rappresentare i bisogni specifici delle comunità locali e un’idea di comunità nazionale orientata all’interesse generale, che ho trovato presente ovunque. Oggi ribadisco questo impegno: nel Parlamento della Repubblica Italiana rappresenterò le richieste di buona politica che tutti i cittadini – di ogni collocazione sociale e di ogni parte politica – esprimono nei confronti delle istituzioni.

Voglio ringraziare tutti coloro che mi sono venuti incontro con una idea, una proposta, una domanda. Ringrazio tutti coloro che sono andati alle urne per esercitare un fondamentale dovere democratico, e tra questi in particolare coloro che mi hanno onorato del loro sostegno. Un ringraziamento particolarmente sentito lo devo ai militanti del Partito Democratico di Torino e di Siena – città e provincia – che con il loro lavoro mi hanno permesso di incontrare tante persone e conoscere gli aspetti più profondi di queste realtà, contribuendo in misura decisiva al successo della campagna.

Per tutti lavorerò affinché le istituzioni continuino a promuovere l’occupazione e a sostenere la crescita economica. Una crescita inclusiva, perché i benefici e i progressi del miglioramento dell’economia raggiungano una platea sempre più ampia di cittadini.

Pier Carlo Padoan